Non darla vinta alla famiglia Rossi

Sono lì che sto facendo la doccia a terzogenita, immaginatevi una scena con grida tipo scannatoio, quando sbuca dalla porta del bagno secondogenito che regge in mano una lettera e dice papà, ci ha scritto topolino. “Topolino nel senso disney?” chiedo tenendo con una mano una saponetta e con l’altra una cosa saltante cosparsa di sapone. “Lui” conferma con una certa serietà secondogenito. “Dice che siamo la famiglia Venerandi” continua il dodicenne e io annuisco con convinzione. “Confermo” dico ma secondogenito sta continuando, legge, dice che topolino offre un anno di emozioni, vantaggi e superdivertimento in casa Venerandi. “Venerandi è scritto in maiuscolo giallo” precisa secondogenito, e continua a leggere parlando del tagliando della superofferta di abbonamento per la famiglia Venerandi. “In più – recita – un gioco appassionante in arrivo a casa Venerandi, un regalo proprio con i fiocchi!”.
“Topolino sa qualcosa che io non so sulla gioia” dico a secondogenito ma le urla di terzogenita coprono il mio sarcasmo.
A questo punto però la faccia di secondogenito si fa meno felice, anzi è visibilmente preoccupato. “Papà – dice – qua c’è scritto che il gioco appassionante in arrivo in casa Venerandi, sarà bellissimo e che ci sarà un gran divertimento in famiglia Rossi”.
Spengo la doccia.
“E chi sono ‘sti Rossi?” chiedo mentre anche terzogenita mette fuori il muso dalla tenda doccia. Secondogenito alza le spalle e legge ad alta voce “Che giornate felici nella casa sull’albero, che gran divertimento in casa Rossi!”. A questo punto interviene anche terzogenita: “papà, ci andiamo?”.
Mi giro verso mia figlia come se la vedessi solo in quel momento. “Dove?” chiedo, mettendo le mani a piramide, come gli egizi. “Ma papà – fa lei raggiante – dalla famiglia Rossi! Quelli si divertono!”.
Guardo con orrore secondogenito che mi fissa con sguardo neutro. “Fammi vedere il foglio” dico, nettandomi sulla maglietta ormai andata l’iperdose di balsamo per capelli biondi che terzogenita ha fatto esplodere in ogni dove.
Effettivamente la famiglia Venerandi viene invitata all’acquisto di svariati abbonamenti, ma alla fine la famiglia che si diverte per il premio è la famiglia Rossi. “Bastardi” penso, sono sempre loro. C’è sempre una famiglia Rossi che so che da qualche parte nel mondo si gode i miei premi prodotto. A sbafo.
“Credo sia un errore nel database” dico a secondogenito restituendo il foglio. “Fanno delle stampe in serie e devono aver dimenticato un campo e…” inizio a dire, ma vedo che secondogenito scuote la testa.
“Lo hanno mandato a tutti – dice – tutta Genova ha ricevuto la lettera con scritto, cara famiglia Venerandi, tutti sanno di noi”
“Ah”
“E alla famiglia Rossi questo non andava bene”
“È un’ipotesi. Meno probabile della mia della stampa in serie, ma non priva di un suo fascino” dico ma intanto secondogenito scivola via dal vano porta mentre dietro di me terzogenita ha iniziato a piangere, e dice perché, perché papà non mi vuoi portare dalla famiglia Rossi? Perché non vuoi che io sia felice? dice e io la guardo con un certo affetto e poi riapro la doccia al massimo potere di getto e si sentono ancora altissime grida.


Non darla vinta alla famiglia Rossi
Acquista La vita in famiglia è bellissima

cover la vita in famiglia è bellissima


Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...