Intervista ai personaggi dei romanzi di Venerandi: August Strindberg

– dunque buongiorno maestro
– buongiorno
– oggi la intervistiamo per un suo ruolo particolare
– sì
– non quello di scrittore, ma quello di personaggio
– sì
– infatti in questo romanzo di Venerandi, “L’ultima avventura del signor Buonaventura”, lei, August Strindberg, interpreta se stesso
– è corretto
– non proprio se stesso, in realtà, ma una reincarnazione di…
– mi scusi, la interrompo
– oh, certo
– è vero. Io sono nato a Varese Ligure. Ma sono la reincarnazione di August Strindberg. Ci sono numerose prove non indiziabili in questo senso. Documentate
– capisco
– quindi non farei una distinzione tra August Strindberg originale e me, la sua reincarnazione. Io – in quanto reincanranzione – /sono/ August Strindberg
– certo, io non volevo…
– ecco, bene chiarirlo subito in modo che i lettori non si facciano una idea sbagliata di me
– però, faccio l’avvocato del diavolo…
– sì?
– nel romanzo si racconta che lei non conosce lo svedese
– ci sto lavorando
– certo, ma se lei fosse una completa reincarnazione di August Strindberg; lei dovrebbe conoscere lo svedese, no?
– si vede che lei di reincarnazione non capisce niente
– ecco…
– non è colpa sua. È internet. Tutti si credono esperti di tutto
– non volevo…
– la reincarnazione è qualcosa di più complicato di quello che lei crede. Non stiamo parlando di rigenerazione, che è una cosa diversa. Reincarnazione significa creare una nuova entità, singola e cosciente, che accoglie l’anima di un corpo precedente.
– ah
– quello che otteniamo è qualcosa di radicalmente nuovo, ma anche carico di tutte le esperienze precedenti
– quindi, lo svedese…
– non fa parte delle esperienze trasmissibili. È impattato dall’ambiente di nascita e di crescita
– capisco
– per me è un tormento
– ah
– ho in casa tutti i miei libri, tutta la mia produzione, e non riesco a leggerne che poche frasi
– non ci avevo pensato
– una sensazione di impotenza, anche fisica
– mi dispiace
– questo emerge comunque nel romanzo del Venerandi, anche se ormai è quasi fuori catalogo
– una domanda: come è stato passare da scrittore a personaggio
– per me è stato un passaggio naturale. i miei romanzi e i miei drammi parlano già di me
– ah
– quindi sono sempre stato personaggio delle cose che scrivevo. È un modo per configurare il mondo conoscibile su di me. Per formalizzarlo
– lei è stato molto esaustivo. Le chiedo un’ultima cosa. Come August Strindberg di Varese Ligure lei è chiamato a votare per le trivelle, tra poco
– non so
– avrà letto, il referendum sulle trivelle. Ero molto curioso del punto di vista di August Strindberg sulle trivelle e sul refer…
– quello che penso sulle trivelle
– esatto, i lettori…
– dunque. Evidentemente – se mi chiede questa cosa – lei di trivelle non capisce niente

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...