le slide, i formati aperti, e l’amore

– venerandi
– eh, guarda sto per andare a dormire sono sfinito, sono 48 ore o un suo multiplo che lavoro interrompendomi solo per cose vitali tipo mangiare, bere, facebook, pringles, confondo il mouse con il cellulare, parlo alla rotella e sposto l’iphone sulla scrivania fissando lo schermo, basta, basta non mi chiedere niente, non ce la faccio più no no no
– le slide
– te le ho fatte! le ho fatte nell’intervallo, mentre eseguivo le query, per rilassarmi ho fatto le slide, te le ho mandate, le ho corrette, le ho anche esportate in bitmap per essere sicuro che le leggesse chiunque, le ho rifatte e non mi sono rilassato, btw, vedi che non solo affatto rillassato io, quante elle usa rillassato, due, tre?
– venerandi, le slide
– eh, ti ho detto che le ho fatte! le…
– come le modifico
– ah
– devo cambiarle venerandi, devo fare piccole modifiche
– ah cazzo, non ci avevo pensato
– mi hai mandato dei png, come li modifico, venerandi
– ho gli originali, aspetta io…
– anche la redazione ci deve mettere le mani, lo sai
– uhmphf…
– in che formato le hai fatte?
– uhmzh…
– non biascicare. hai usato powerpoint vero? o almeno openoffice vero?
– dunque…
– non hai usato uno dei tuoi programmi del menga che conosci solo tu e il programmatore?
– dunque, facciamo un passo indietro
– eh
– io odio le slide
– oddio
– le odio. odio vedere le slide, odio fare le slide, odio il concetto di slide. le slide mi sembrano degli enormi sottotitoli per gente con problemi di dislessia. io…
– non ti ho chiesto di avere nuovi amici, dovevi solo farmi sei slide in un formato che ci potevo mettere le mani
– inkscape
– cosa…
– ho usato questo programma che si chiama inkscape e…
– ma è della apple? è per macintosh?
– usa X11, ma aspetta…
– dio mio
– usa un formato aperto
– venerandi, posso dirti cosa penso dei formati aperti?
– se non abbini il verbo “pulire” con il complemento “culo”, sì
– venerandi i formati aperti vanno bene se non devi lavorare con la gente
– capisco
– se non hai amici, se progetti navi spaziali che poi ti costruisci in cantina, allora ok, usa pure roba unix
– ecco
– ma se per caso hai un amico, un collega, un cliente, ecco allora no
– no, io…
– se quello che fai deve essere condiviso dal mondo devi tapparti il naso e fare doppioclick su uno dei programmi brutti, aprire, sospirare e usare quel brutto brutto mondo consumer
– sei spietato
– riformulo la mia domanda: le slide?
– vedi, per fortuna e sottolineo per fortuna ho usato un formato aperto, un svg. vedi, salvo con inkscape in svg, plain svg, e poi apro openoffice, che tu tolleri e apro il programma per le presentazioni e poi – tac – importo tutte le slide che ho fatto in svg. questo è il potere dei formati aperti, che puoi…
– è venuto fuori un quadrato nero
– vedo
– anzi, sei quadrati neri
– sei fottuti quadrati neri
– non stavi dicendo che i formati aperti…
– sono una merda
– ah, avevo capito diverso
– i formati aperti sono una merda. ora te li rifaccio in word
– ah grazie
– con le tabelle di word
– perfetto, grazie
– in comic sans

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...